Com'è stata la scuola in questi mesi e come vorrei che fosse da settembre

Istituto Frejus

08 Giugno 2020

Nessun commento

Pagina iniziale Ultime dal Frejus

Com’è stata la scuola in questi mesi e come vorrei che fosse da settembre

Com'è stata la scuola in questi mesi e come vorrei che fosse da settembre

computer-1185626_1920

Ci siamo ritrovati in breve tempo dalla chiusura delle scuole di due giorni, alla chiusura per mesi di ogni attività commerciale. Siamo stati costretti dalle istituzioni a rimanere a casa per difenderci dal contagio di un virus che, partito dalla Cina, sembrava non potesse toccarci mai. Invece la situazione é diventata di giorno in giorno sempre più paradossale, assurda. Inizialmente partecipare alle lezioni scolastiche da casa attraverso un computer era più che rilassante, dato che che i ritmi erano più tranquilli e soprattuto potevo stare in pigiama liberamente. Poi ho iniziato a capire che in realtà la scuola mi mancava, anzi mi mancava un po’ tutto. Ora che le restrizioni si sono allentate, a molti sembra di essere tornati alla normalità, ma non dobbiamo confonderci: questa rimane una situazione assurda, abbiamo molte responsabilità personali, le distrazioni possono far peggiorare nuovamente la situazione. Psicologicamente é molto dura, la totale impotenza di fronte alla situazione e l’impossibilità di reagire a questo virus sono pesanti. Spero di iniziare il prossimo anno scolastico in maniera tradizionale; per quanto possa risultare valido l’insegnamento a distanza, dei dispositivi elettronici non potranno mai sostituire il legame reale fra persone, fatto di sguardi e voci reali, senza il rischio che cada la connessione a Internet. Non definendomi una persona troppo sedentaria, ho patito molto il fatto di non potermi muovere liberamente o di viaggiare, o anche solo la possibilità di uscire a fare una passeggiata con i miei cani. In qualche modo in questo periodo buio la scuola, ma soprattutto la mia classe, mi ha tenuto compagnia. Mi sono divertita e mi sono tenuta attiva senza stare troppo a lamentarmi. Sicuramente é stato un un evento lungo e catastrofico sotto moti punti di vista, soprattutto per l’economia di tutto il mondo. In ogni caso ci ha fatti crescere interiormente, ora sono certa che apprezzeró maggiormente la mia vita di prima, i tanti suoi piccoli dettagli che prima mi sembravano irrilevanti, di cui ora ho davvero capito l’importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.